A tale of two names

Some individuals’ traces can survive centuries or millennia because their name remains attached to an artefact.

The Scottish antiquarian and archaeologist Alexander Henry Rhind and the Egyptian scribe Ahmes are two names that have been dragged till modern times by a papyrus.

The papyrus is called Rhind’s papyrus or Ahmesh’s (it also has the more aseptic name of pBM 10057 and pBM 10058, the pair of initials of the two parts of the artefact given by the British Museum) and its fame derives from the fact that it is one of the oldest and most complete examples of an Egyptian…


La storia dei due nomi

Capita che le tracce di alcune persone riescano a sopravvivere secoli o millenni perché il loro nome rimane attaccato a quello di un manufatto.

L’antiquario e archeologo scozzese Alexander Henry Rhind e lo scriba egizio Ahmes sono due nomi trascinati fino alla modernità da un papiro.

Il papiro è appunto detto papiro di Rhind o Ahmesh (ha anche il nome più asettico di pBM 10057 e pBM 10058, la coppia di sigle delle due parti del manufatto date dal British Museum) e la sua fama deriva dal fatto di essere uno dei più antichi e completi esempi di manuale matematico…


In attesa del nuovo Governo e prima che sappia troppo di vecchio, ripeschiamo questa breve analisi, rimasta dallo scorso novembre nei cassetti di Elif Lab.

Cosa ci raccontano gli atti di indirizzo e controllo sull’attuale legislatura? Abbiamo osservato alcuni aspetti di questi documenti, tra i più facilmente reperibili sui siti di Camera e Senato e disponibili in formato open su dati.camera.it

Nella prima parte di legislatura (dal 23/03/2018, fino al termine del Governo Conte I), sono stati presentati 11235 atti alla Camera e 5484 al Senato, così divisi per tipologia:

Il periodo del Governo Conte II, corrisposto negli ultimi mesi…


A Natale meglio leggere.
Finiremo il 2020 sul divano: ecco i consigli “di carta” apparsi nella nostra newsletter TURING vs ASIMOV nella seconda metà del 2020.
Non sei iscritto alla newsletter? Rimedia subito.

Un buon libro che consigliamo per le pandemiche vacanze è Di duelli, scacchi e dilemmi: La teoria matematica dei giochi. Si tratta di un piccolo testo del 2001, a opera di Roberto Lucchetti, che prova un approccio divulgativo soft — ma non troppo — all’introduzione della seria teoria matematica dei giochi.


Le opinioni circa il diritto all’anonimato dei dati sono spesso oscillanti e, ancora più spesso, non basate su argomenti concreti.

La pandemia ha generato un gradevole twist al balletto delle opinioni, contrapponendo la salvezza dal virus e il diritto alla riservatezza.

Questo post vuole spostarsi di lato rispetto al tema e cercare raccontare come un concetto tecnico (e un po’ esoterico) come il k-anonimato sia declinabile in un caso concreto.

La disponibilità di dati open e la possibilità di fare una minima elaborazione degli stessi ci permetterà di rimanere dentro i confini della penisola-più-isole per esporre la nostra tesi (permettendoci…


Winner of stage 16 of the 2020 Tour De France, Lennard Kämna, said that before becoming a pro, he had difficulty recognising his fellow cyclists, so much so that he lost races because he was joined in the breakaways by riders whose qualities he did not know.

In a competition in which often the only sure sign of recognition is a number on the back or on the bike, after all, even the good TV commentator distinguishes himself because, from other elements (the jersey, of course, but also the gait, the physicality, maybe some tics), he recognizes every single cyclist…


Artificial neural networks are a class of complex algorithms that try to solve complex problems starting from the idea that if the human brain is able to do something, even an abstraction of it can probably solve the same problem.

The effectiveness of these techniques (all different but related) is remarkable, but it is also necessary to pay a considerable computational cost.

A modern classic in neural networks is a type identified with the name convolutional neural network (CNN for short). This type of network is very effective at recognizing patterns, e.g. …


Le reti neurali artificiali sono una classe di algoritmi complessi che tentano di risolvere problemi complessi partendo dall’idea che se il cervello umano è capace di fare qualche cosa, probabilmente anche una sua astrazione può affrontare lo stesso problema.

L’efficacia di queste tecniche (diverse ma affini) è notevole, ma è necessario pagare anche un notevole costo computazionale.

Un moderno classico nelle reti neurali è un tipo di rete che viene identificata con il nome convolutional neural network (CNN in breve). …


Sarà un’estate forse anomala, ma come sempre qualche giorno di pausa potrà concedere spazio ad interessanti letture.
Ecco i consigli “di carta” apparsi nella nostra newsletter TURING vs ASIMOV nella prima metà del 2020.
Non sei iscritto alla newsletter? Rimedia subito.

Sarà la paura per la scienza, ma c’è un libro molto bello di Calvino che non viene spesso proposto come lettura nelle scuole di ogni ordine e grado.
Le cosmicomiche è una collezione di 12 storie brevi che si aggregano intorno a fatti scientifici. Profondo e divertente, sicuramente da leggere.


Gabriele Lami
Co-founder @
Elif Lab : www.eliflab.com

Ho assistito a un interessante webinar dedicato ai sex robots, organizzato da Privacy Network.

Uno dei temi ricorrenti dell’incontro urtava con ricordi inconsci. Il tema incriminato era che la rappresentazione del sex robot nell’immaginario collettivo sarebbe quasi esclusivamente femminile.

Grazie alla ripetizione del concetto, il ricordo inconscio ha acquisto la spinta necessaria per riemergere alla coscienza.

L’anno è il 1987 e il telefilm Star Trek TNG (che ricade nella categoria TV-PG negli Stati Uniti, una sorta di bollino arancione, e T (tutti) in quella italiana) espone il tema del sesso robot-umano in…

Elif Lab

We are an innovative company that operates in the field of data science.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store